I lavori del II Workshop “Migrations-mediations: media e comunicazione per l’inclusione dei migranti”.

dalla Redazione

A partire dai prossimi giorni, e a seguire nelle prossime settimane, pubblicheremo i lavori presentati nel corso del  Secondo Workshop della ricerca di Ateneo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore “Migrations-mediations: media e comunicazione per l’inclusione dei migranti”.

Il Workshop, svoltosi il 15 luglio 2018 in Università Cattolica, è stata l’occasione per il fare il punto dei progress dei lavori del progetto e per coordinare la seconda fase della ricerca, che vedrà nel convegno internazionale 2019 in preparazione, un momento fondamentale di disseminazione dei lavori svolti nel gruppo di ricerca.

Buona lettura!

 

“Migrazioni, Integrazione e Democrazia” Profili Giuridici, Sociali e Culturali. Corso di Specializzazione dell’Unione Forense per la Tutela dei Diritti Umani

dalla Redazione

Sono aperte le iscrizioni al Corso di specializzazione “Migrazioni, integrazione e democrazia. Profili giuridici, sociali e culturali”, organizzato dall’Unione Forense per la Tutela dei Diritti Umani. Il corso si articolerà in dieci incontri dal 7 settembre al 16 novembre 2018 presso il Parlamentino del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, in Viale David Lubin, 2 – Roma.

 

Unione forense diritti umani.png

“L’Unione forense per la tutela dei diritti umani ha deciso di organizzare la II edizione del corso di specializzazione “Migrazioni, integrazione e democrazia. Profili giuridici, sociali e culturali”, con l’obiettivo di fornire un quadro interdisciplinare della materia, dal punto di vista giuridico, economico, demografico e antropologico, nonché dal punto di vista giornalistico, sociologico, medico e psicologico, con l’espressa intenzione di analizzare le varie sfaccettature del fenomeno cercando di fornire una visione quanto più completa possibile ai fruitori del corso”.

Continua a leggere ““Migrazioni, Integrazione e Democrazia” Profili Giuridici, Sociali e Culturali. Corso di Specializzazione dell’Unione Forense per la Tutela dei Diritti Umani”

Call for papers: “Sguardi sulla città: filmare il paesaggio urbano come esperienza multi-culturale e multi-identitaria”.

dalla Redazione

Segnaliamo l’interessante progetto del Dipartimento SAGAS dell’Università degli Studi di Firenze.

filamre.gif

Il Dipartimento propone, sulla scorta del Progetto Strategico di Ateneo CAPUT – Filmare le Arti http://www.unifimagazine.it/filmare-le-arti-progetto-caput/ e del Piano di Eccellenza Eredità culturali https://www.sagas.unifi.it/ la prima edizione del progetto di ricerca “Filmare l’alterità. Concorso e archiviazione di immagini migranti nel paesaggio urbano fiorentino“. E’ una iniziativa, in collaborazione con Oxfam Italia, dedicata ad artisti under35.

L’iniziativa, oltre a prevedere laboratori e concorsi per migranti volti alla produzione e archiviazione di contenuti audiovisuali sul paesaggio urbano e delle periferie, ha l’obiettivo di “di definire un assetto teorico in grado di analizzare i materiali e definirne la collocazione all’interno dell’ecosistema mediale, tracciando linee guida per eventuali esperienze analoghe”.

Per tale motivo l’Università degli Studi di Firenze organizza un convegno di studi dal titolo “Filmare l’Alterità, filmare il paesaggio urbano come esperienza multi-culturale e multi-identitaria”. “Nel corso di tale incontro si tenterà di indagare il rapporto tra produzione audiovisiva e paesaggio, per comprendere la diversità delle modalità con le quali i membri della comunità locale convivono e condividono lo spazio urbano, soprattutto periferico”.

Il convegno, cura di Cristina Jandelli e Raffaele Pavoni, si terrà a Firenze dal 21 al 22 gennaio 2019. Per tale convegno è aperta una call: le proposte dovranno pervenire entro il 15 novembre al seguente indirizzo: segreteria@filmarelalterita.it

Per maggiori informazioni, si rimanda al testo della call.

Call in Italiano

Call in Inglese

Call in Francese

 

tel.gif

Memory, Migration & Movement. Parigi 7-8 dicembre 2018. Call for papers di PoP.

dalla Redazione

Segnaliamo la call di un interessante convegno che si svolgerà il prossimo dicembre a Parigi. PoP [Performances of the Popular] MOVES, in partnership con l’Université de Paris Nanterre e La Colonie, ha da poco aperto la selezione di paper e articoli per la conferenza.

Riportiamo qui la call, rimandando al sito per ulteriori dettagli.

 

The international research group for performances of the popular continues to advance the field by creating a new committee in France, to foster conversations and sharing
between scholars, artists and institutions across linguistic worlds. To celebrate this
expansion, PoP MOVES will hold a joint launch event and conference in Paris, to explore
relationships between memory, migration and movement.

Migration is by definition an act of movement. The geopolitical movements of migration
continue to resonate in the bodies of migrants, and these reverberations are sometimes
manifested through popular dance. Migration entails ruptures and reconfigurations of
memory both for migrants themselves and for those who accommodate their arrival. This conference seeks to tease out the threads and tensions between memory, migration and movement within one of the [sub]urban spaces of their everyday unfolding.

Continua a leggere “Memory, Migration & Movement. Parigi 7-8 dicembre 2018. Call for papers di PoP.”

[Save the Date] 16 luglio ore 9. Secondo Workshop della ricerca Migrations-Mediations, Università Cattolica

Si svolgerà lunedì 16 luglio 2018 il Secondo Workshop della ricerca di Ateneo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore “Migrations-mediations: media e comunicazione per l’inclusione dei migranti”. L’appuntamento è presso l’Università Cattolica di Milano, in aula C015, via Carducci 28/30

locandina-secondo-workshop.jpg

PROGRAMMA WORKSHOP 16.07.2018

9.00 – 9.30: Accoglienza e Introduzione dei lavori (Ruggero Eugeni)

9.30 – 10.00: Media, migrazioni, immaginazioni (Fausto Colombo)

10.00 – 10.30: Globalizzazione, migrazione e disuguaglianza (Giuseppe Mastromatteo e Lorenzo Esposito)

10.30 – 10.45: Coffee break

10.45 – 11.30: Presentazione e discussione del progetto “Elezioni” (a cura di Marina Villa e Nicola Pasini)

11.30 – 12.15: Presentazione e discussione dei progetti del gruppo “Policies” (a cura di Matteo Tarantino, Paola Pontani e Chiara Colombo)

12.15 – 13.00: Presentazione e discussione dei progetti dei gruppi “Iniziative e pratiche” (a cura di Alice Cati, Anna Sfardini, Chiara Giaccardi)

13.00 – 13.30: Presentazione del n° 1/2019 di Comunicazioni Sociali “Playing inclusion. The performing arts in the time of migrations: thinking, creating and acting inclusion” (a cura di Roberta Carpani e Giulia Innocenti Malini)

13,30 – 14.30: Pranzo

14.30 – 17.00: Riunione del tavolo di lavoro allargato a tutti i partecipanti alla ricerca in preparazione del convegno nazionale di novembre 2018.

 

Progetto MENTOR – Mediterranean Network for Training Orientation to Regular Migration

dalla Redazione

Segnaliamo un interessante progetto che vede coinvolti diversi soggetti istituzionali sia italiani, sia tunisini sia marocchini.

Il progetto MENTOR si pone l’obiettivo “di contribuire al miglioramento degli schemi di migrazione temporanea e circolare per i giovani tra l’Italia, il Marocco e la Tunisia, tramite la sperimentazione di training professionali per i cittadini non comunitari residenti all’estero”.

Home

Tra gli obiettivi del progetto vi è il miglioramento delle competenze degli operatori che si occupano di giovani e lavoro per promuovere la migrazione circolare e temporanee, l’aumento dell’informazione dei cittadini marocchini e tunisini sulla migrazione temporanea regolare verso l’Italia e il miglioramento dell’accesso al mercato del lavoro dei giovani tunisini e marocchini nei loro Paesi di origini attraverso il miglioramento operativo dell’art.27 della Legge italiana sull’immigrazione.

Le azioni messe in campo prevedono:

  • Mappatura di tutte le parti interessate a Milano e Torino che si occupano di gioventù e occupazione (formazione professionale, servizi di collocamento, centri giovanili, agenzie di formazione, istituzioni, consolati, associazioni di migranti …) e imprese potenzialmente interessate ad ospitare tirocinanti provenienti dai paesi terzi
  • Mappatura di tutte le parti interessate (imprese, agenzie di formazione, scuole superiori, università, centri giovanili – centri di informazione, servizi ricreativi, servizi educativi, ecc., Istituzioni, organizzazioni della società civile / organizzazioni non governative, etc) nei territori di destinazione in Marocco e Tunisia che potrebbero essere coinvolti nella diffusione di informazioni e / o orientamento sulle vie legali di migrazione verso l’UE per i giovani
  • Costituzione di Comitati di Concertazione Locali (reti dei soggetti interessati mappati e dichiaratesi interessati) in ciascuno dei 4 territori coinvolti, per condividere esperienze e trovare posizioni comuni su procedure e buone pratiche al fine di migliorare i tirocini professionali e le opportunità di mobilità temporanea e circolare nell’UE per giovani tunisini e marocchini
  • Individuazione di settori economici in crescita, e di opportunità concrete per tirocini post-professionali, e di settori specifici di sviluppo di nuovi business nei territori target del Marocco e della Tunisia. Tali risultati saranno utilizzati per definire il bando per la selezione degli aspiranti tirocinanti (lanciato insieme alla campagna di sensibilizzazione), rivolto ai giovani delle aree target del progetto
  • Campagna di sensibilizzazione e informazione per giovani in Marocco e Tunisia sulla migrazione temporanea e circolare in Italia, con particolare attenzione ai tirocini professionali come opportunità per la crescita personale e lo sviluppo locale; in occasione della campagna viene lanciato il bando per candidarsi ad un tirocinio con il sostegno di MENTOR (20 tirocini in tutto)
  • Selezione dei 20 candidati migliori (10 dal Marocco e 10 dalla Tunisia), abbinati con altrettante aziende torinesi e milanesi disponibili ad accoglierli per un percorso formativo
  • Formazione pre-partenza su lingua italiana e educazione civica / cultura del lavoro
  • Tirocini professionali a Milano e Torino e capacity building: i 20 tirocinanti sperimenteranno un tirocinio professionale di 3 mesi nelle imprese selezionate (e abbinate) a Torino e Milano. MENTOR accompagnerà questo processo attraverso tutoraggio personale e mediazione culturale
  • Tutoraggio post-tirocini e sostegno all’avvio di start-up / inserimento lavorativo per 20 giovani formati nei paesi d’origine

Il monitoraggio di tutto il processo permetterà di produrre linee guida e raccomandazioni su procedure operative sostenibili / di successo per realizzare tirocini professionali tra Italia, Tunisia e Marocco. Tali linee guida saranno esposte in occasione dell’evento finale a Tunisi

I partner principali del progetto sono:

Comune di Milano
• Comune di Torino
• Agenzia Piemonte Lavoro;
In Marocco:
• Ministero dei Marocchini residenti all’estero e delle questioni migratorie
• Sezioni di Beni Mellal e di Chaouia-Tadla dell’ANAPEC – Agenzia nazionale di promozione del lavoro e delle competenze;
In Tunisia:
• Osservatorio nazionale della gioventù e la Città di Tunisi.
La durata prevista del progetto è di 16 mesi –  dal 15 ottobre 2018  al 30 maggio 2019.

Per le informazioni complete si rimanda al sito del progetto

https://www.networkmentor.org/

 

Conferenza 2018 IFTR – The International Federation for Theatre Research

dalla Redazione

Dal 9 al 13 luglio si svolgerà a Belgrado la Conferenza 2018 dell’IFTR – The International Federation for Theatre Research. Quest’anno il tema è di estremo interesse e coerente con gli obiettivi della nostra ricerca: “Theatre and Migration. Theatre, nation and identity: between Migration and Stasis“.

IFTR.jpg

We would like to approach the topic of Theatre and Migration from several broad angles, asking:  How have theatre and performance responded to issues of exile, displacement and Otherness both historically and in our times? How has the process of migration been shaped and reshaped through various political, social, cultural and artistic scenarios? How can the notion of migration be employed to grapple with issues of cultural cross-fertilization, transfer, appropriation and mutation?  What constitute ecologies of migration in theatre and performance (and beyond)?

https://www.iftr.org/conference

Tra gli interventi del convegno vi segnaliamo:

Roberta CarpaniItalian Migration during XX century on stage: Italian narrative theatre as an instrument for shaping consciences
Giulia Innocenti Malini, Social Community Theatre with Refugees in Italy
Martina Guerinoni, Social and Community Theatre as best practice for the inclusion of migrant women in Italy