Remapping Europe – a Remix project highlighting perspectives of young migrants

Data di avvio: 2012

Durata:

Partner:          European Cultural Foundation (Olanda)

Cultural Comezemos Empezemos (Spagna)

Towarzystwo Inicjatyw Twórczych “ę” (Polonia)

MODE Istanbul (Turchia)

British Film Institute (Inghilterra)

 

Action: Creative Europe        Culture ► Culture (2007-2013) ► Cooperation measures

 

Obiettivo generale:

Contribuire a una pratica culturale inclusiva e a creare immagini pubbliche in e dell’Europa, collegando i giovani creativi media-maker che esperienza della (im)migrazione in Spagna, Polonia, Turchia e Regno Unito con un pubblico intergenerazionale europeo più ampio.

Le attività del progetto derivano da un principio di base: rimescolare i media come metodo per rivedere, reinvestire e riconsiderare le immagini prevalenti degli (im)migranti nelle società europee e, in ultima analisi, “rimappare” visivamente, geograficamente e mentalmente l’Europa.

 

Obiettivo specifico:

– Piattaforme di apprendimento transnazionali e trasversali, che indagano la prospettiva dell’immigrato nel dibattito pubblico e nelle immagini;

– remix creativo di atelier in Spagna, Polonia, Turchia e Regno Unito che coinvolgono 48 giovani narratori digitali con background e prospettive (im)migranti;

– vetrine internazionali delle loro opere remix in occasione di importanti festival culturali in ciascuno di questi paesi e in una collezione di media on-line;

– grandi performance remix e installazioni ad Amsterdam e a Siviglia, con una componente digitale partecipativa più ampia che coinvolge i cittadini europei in tutto il continente e una pubblicazione e un catalogo di ricerca che documentano i processi e i risultati del progetto.

 

Risultati:

 

  • Remixing Europe, una pubblicazione che sulle immagini dei migranti nei media europei (fuori nell’ aprile 2014);
  • 16th ZEMOS98 Festival Remapping Europe, compreso the HOME Encounter (8 – 12 April 2014).
  • Remapping Europe Media Collection: 44 film di giovani media-maker provenienti da un contesto migratorio che hanno utilizzato i loro album familiari, film, spot pubblicitari e reportage per raccontare la propria storia e rimescolare le immagini dominanti dei migranti nei media europei. Queste opere sono gratuite per festival ed eventi;

foto metareview.jpg

  • European Souvenirs, un cinema remix-performance dal vivo in tour in Europa nella primavera del 2014;
  • The Remix Room, uno spazio digitale per la ricerca e il dibattito, che indaga la prospettiva del migrante nel dibattito pubblico e nelle immagini;
  • Remix ateliers (2012 – 2014) in Spagna, Polonia, Turchia e UK che coinvolgono che coinvolgono giovani narratori digitali provenienti da un contesto migratorio che creano nuovi media;
  • Proiezioni internazionali di opere remix in festival ed eventi.

 

 

Sito: